Contro la larva di maggiolino

Questo insetto nocivo si trova specialmente nei terreni duri, compatti e poveri di humus. La piaga del maggiolino è particolarmente grave nei nuovi impianti o nei prati dissodati di recente. Siccome il maggiolino evita di deporre  le sue uova nei terreni sciolti e ricchi di humus, la misura di difesa più efficace è costituita da una affinatura accurata del terreno unita all'impiego di composto e di un adatto strato di copertura (pacciamatura).

Dopo un paio di anni di simili trattamenti, questi insetti dannosi scompariranno dal nostro terreno. I nemici naturali della larva di maggiolino sono: la talpa, il porcospino, lo storno, il pipistrello, la cornacchia e il toporagno. Quest'ultimo è un diligente distruttore di insetti nocivi, è perciò un animale utile e non appartiene alla specie dei microti.

Per la lotta diretta contro le larve del maggiolino si piantano, in diversi punti dell'orto, le cosidette piante da richiamo, come l'insalata e la lattuga che attirano questi insetti. Le piante di insalata  che appassiscono, indicano i punti in cui essi sono al lavoro. Al mattino presto si estirpano queste piante, assieme alla loro terra, ed è così possibile distruggere la maggior parte delle larve che si trovano vicino alla radice divorata. Se, al mattino, si aspetta troppo a scavare, gli insetti se ne saranno già andati.